Estintori a polveri: La polvere che blocca la fiamma | Sistemi Antincendio | Approfondimenti

Come per gli estintori usati comunemente, i sistemi di estintori a polvere sono costituiti da una riserva di polvere chimica che agisce bloccando la catena di reazione della fiamma grazie anche all'aiuto del gas inerte che la accompagna, riducendo la concentrazione dell'ossigeno della zona di reazione.

Gli estintori a polveri hanno un'azione estinguente limitata al momento dell'erogazione rendendoli idonei a fermare quegli incendi che posso essere spenti immediatamente.

La progettazione delle tubazioni degli impianti a polvere è un compito impegnativo, che comprende l'adozione di particolari accorgimenti per evitare che la polvere si depositi lungo il percorso e per ottenere l'erogazione di un getto continuo ed uniforme.

Estintori a polveri : impianti a scarica diretta e a polvere a smaltimento

Gli impianti di spegnimento a polvere si possono distinguere in sistemi a scarica diretta, nei quali in pratica il serbatoio di contenimento è direttamente collegato alla rete di tubazioni, e basta la semplice pressurizzazione dello stesso per causarne la fuoriuscita, e sistemi a polvere a smistamento dove il serbatoio è collegato ad un collettore dal quale si dipartono varie linee di alimentazione a sistemi diversi che quindi operano col criterio delle valvole di smistamento.

Questi sono costituiti da un recipiente di forma cilindrica sferica che contiene la polvere chimica che viene messa in pressione con l'uso dell'azoto, un gruppo di bombole di azoto ad alta pressione munito di dispositivi di regolazione della pressione, un dispositivo automatico e/o manuale di apertura delle bombole, una valvola che consente l'erogazione della polvere solo dopo che il recipiente ha raggiunto la pressione di esercizio prevista, tubazioni della polvere fluidificata, ugelli e coni erogatori per gli impianti con punti di erogazione fissi, manichette e pistole di erogazione e monitor per gli impianti con punti di erogazione mobili e tubazioni per il lavaggio con azoto delle tubazioni della polvere a fine erogazione.

Estintori a polvere : come funzionano

L'azoto proveniente dal riduttore di pressione delle bombole viene immesso nel recipiente a pressione che distribuisce il gas nella polvere facendo si che venga smossa e fluidificata.

Il sistema può essere azionato da un apposito sistema di rivelazione d'incendio. Il rapido spegnimento delle fiamme, la sua mancanza di tossicità e la non condicibilità elettrica hanno favorito il largo impiego degli estintori a polvere in aziende e in automezzi antincendio.

Il principale ostacolo alla sua diffusione è che, si presta all'impiego principalmente in ambienti confinati, all'interno dei quali si realizzano però condizioni non sopportabili dagli occupanti. 

Condividi


Per avere maggiori informazioni, richiedere un preventivo o assistenza per il vostro impianto, non esitate a contattarci

Contattaci