Centrali d'allarme | Novità | Aggiornamenti

Sistemi per la sicurezza via radio e via cavo, rilevatori di movimento, trasmettitori universali per contatti. Per stabilire esattamente le apparecchiature necessarie alla realizzazione di un impianto d'allarme è necessario valutare correttamente i rischi ai quali la tua abitazione può essere esposta e comprendere bene come funziona l'impianto di allarme.

I rivelatori, distinti in rivelatori di movimento, di apertura e per avvolgibili trasmettono ogni tentativo d'intrusione alla centrale, che decodifica il messaggio e fa scattare le apparecchiature di dissuasione (sirene, combinatore telefonico). L'intero impianto viene comandato da telecomandi portatili e/o da una tastiera a codice segreto, che consentono di accenderlo, spegnerlo e parzializzarlo, sia dall´interno che dall´esterno dei locali protetti.

I rivelatori informano la centrale di ogni tentativo di intrusione.

La sirena è l'apparecchiatura dissuasiva ideale per la massima efficacia dell´impianto: installata in un punto visibile, ha un effetto preventivo nei confronti dei malintenzionati che, nella maggior parte dei casi, preferiscono rivolgere le proprie attenzioni dove non ci sono rischi. Il rivelatore di apertura assicura la protezione di ogni tipo di accesso (porte, finestre, imposte, scuri, ecc.) sul quale viene installato. Ne rileva l'apertura ed invia immediatamente l'informazione alla centrale. Il rivelatore di apertura è composto da un trasmettitore e da un contatto magnetico. La separazione del contatto magnetico dal trasmettitore attiva l'allarme.

Il rivelatore per avvolgibili, composto da un trasmettitore e da un sensore a cordicella, rileva il minimo tentativo di sollevamento dello scorrevole (tapparella, serrande, ecc) ed invia immediatamente l’informazione alla centrale. Il rivelatore per avvolgibile funziona correttamente anche lasciando parzialmente sollevata la tapparella di una finestra, mantenendo comunque attiva la protezione. Il rivelatore d’allagamento permette di prevenire e/o limitare i danni provocati da allagamenti. Comunica con la centrale che emette degli avvisi acustici (una serie di bip bip) ogni 90 secondi finché perdura lo stato d’allagamento. Il rivelatore è composto da un trasmettitore e dalla sonda di rilevazione. Non c’è limite al numero di rivelatori installabili in un impianto. Il rilevamento di fumo, invia immediatamente l’informazione "incendio" alla centrale che attiva istantaneamente la sirena incorporata e le sirene esterne, con una segnalazione acustica specifica.

La centrale costituisce il centro decisionale dell'impianto d'allarme. Riceve le informazioni dai rivelatori e dai telecomandi. In caso di allarme, attiva la potente sirena incorporata e tutte le apparecchiature di dissuasione e d'allarme predisposte (sirene esterne, combinatore telefonico,...) La protezione antintrusione è parzializzabile, è cioè possibile accendere solo una parte dell´impianto (es. il perimetro e/o alcuni ambienti) quando ci sono persone o animali domestici nei locali. Se si desidera accendere o spegnere l´impianto dall´interno dei locali protetti, è possibile ritardare di 20 secondi l'attivazione dell´allarme da parte di uno o più rivelatori. I comandi vengono inviati tramite telecomandi portatili o tastiera a codice segreto. Ad ogni comando la centrale conferma la ricezione tramite suoni diversificati per tipo di comando e l´accensione di specifiche spie luminose. La centrale è dotata di una serie di memorie d'allarme e di anomalia che indicano chiaramente gli eventi accaduti.

Condividi


Per avere maggiori informazioni, richiedere un preventivo o assistenza per il vostro impianto, non esitate a contattarci

Contattaci